Lazzaro felice

TRAMA
Lazzaro felice

Quella di Lazzaro, un contadino che non ha ancora vent’anni ed è talmente buono da sembrare stupido, e Tancredi, giovane come lui, ma viziato dalla sua immaginazione, è la storia di un'amicizia. Un’amicizia che nasce vera, nel bel mezzo di trame segrete e bugie. Un’amicizia che, luminosa e giovane, è la prima, per Lazzaro. E attraverserà intatta il tempo che passa e le conseguenze dirompenti della fine di un Grande Inganno, portando Lazzaro nella città, enorme e vuota, alla ricerca di Tancredi.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Lazzaro felice
GENERE
NAZIONE
Italia
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
01 distribuzione
DURATA
125 min.
USCITA CINEMA
31/05/2018
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2018
RECENSIONE
di Mattia Pasquini

Dalla Calabria all'Umbria, fino all'alto Lazio di Civita di Bagnoregio, il viaggio di Alice Rohrwacher continua. E continua a fare tappa al Festival di Cannes, dove nel 2014 aveva vinto il Grand Prix Speciale della Giuria per Le meraviglie. Stavolta, complici le previsioni dell'Hollywood Reporter e i complimenti del Delegato Generale Thierry Fremaux, c'è già chi parla di Palma d'Oro per Lazzaro felice, ma potrebbe essere difficile trascinare la giuria nel cuore del film, bissando il risultato e confermando quel successo.

Non che la minore delle due sorelle non sia tra i papabili, tutt'altro, ma la legittima scelta di ampliare l'orizzonte entro il quale far muovere i propri personaggi sembra non essere così facilmente traducibile in immagini, soprattutto per il registro scelto, tanto fiabesco e indipendente. Tale è infatti il mondo di questo Lazzaro (l'incredibile esordiente Adriano Tardiolo), "servo" della Marchesa Alfonsina De Luna (Nicoletta Braschi) e ai margini della stessa comunità di contadini, "mezzadri" di una sorta di The Village feudale fuori tempo massimo che riempie gli occhi e l'anima di un cinema che una volta in Italia si sapeva fare.

[CANNES 2018: GLI ITALIANI E LE ITALIANE SULLA CROISETTE]

Ma è solo una delle trovate su cui si basa la vicenda, spinta improvvisamente e con foga dalla rapida successione di due colpi di scena relativi al protagonista che proprio con la successione diacronica degli eventi giocano. È il momento migliore del film, che dopo averci introdotto alla strana amicizia di Lazzaro con l'annoiato e immaturo Tancredi - di poca costanza e più affettuoso di quanto sembri, che in fondo gli aveva donato la fantasia, il viaggio - ci strappa a quella terra di favole rurali, come i disperati compagni di avventura del nostro eroe.

Un uomo buono al limite della santità più che il 'Buon selvaggio' del mito, un povero pinocchio pronto a offrirsi ai primi gatto e la volpe che si presentino, un animale costretto a vagare da solo senza potersi ricongiungere a un branco che lo accetti, o capisca. Ma lo sradicamento è ovunque nel film, che pure con delle incoerenze e squilibri nel ritmo della narrazione - 'difetti' figli della libertà scelta dalla stessa regista nell'affrontare una materia tanto leggera e mobile - torna a raccontare i disperati con una empatia e una partecipazione che da tempo non vedevamo. E con uno sguardo composito e molteplice, che tematicamente unisce mistico, sociale e antropologico, e - come la storia - alterna l'alzo delle riprese abbassandosi a sporcarsi di una terra generosa e innalzandosi fino a livelli dai quali soli è possibile osservare certi miracoli.