Genius

TRAMA
genius.JPG

Il Premio Oscar Colin Firth è Maxwell Perkins, l’editore passato alla Storia per aver scoperto scrittori come Ernest Hemingway e F. S. Fitzgerald e che un giorno si imbatté in Tom Wolfe (Jude Law) un prodigioso talento, praticamente un GENIO.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Genius
GENERE
NAZIONE
United Kingdom
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
Eagle Pictures
DURATA
104 min.
USCITA CINEMA
09/11/2016
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2016
RECENSIONE
di Alessia Laudati (Nexta)

Jude Law e Colin Firth interpretano due figure storiche in questo biopic riuscito anche se non particolarmente originale. Gli attori danno il volto rispettivamente a Thomas Wolfe, scrittore istrionico realmente esistito dalla scrittura assolutamente prolissa, che con la scusa della superiorità del suo genio manifesta il proprio egoismo senza nessun pudore, e all'editor Maxwell Perkins, incaricato di contenerne la passionalità e renderlo così un successo letterario. La pellicola biografica diretta da Michael Grandage sta tutta qui. E non è poco.

Cioè affida il suo centro narrativo all'interpretazione dello scontro-incontro tra due visioni della società, della vita e delle donne, che si collocano però agli antipodi. In particolare quella di un padre di famiglia, Perkins, conservatore, puritano, altruista, e quella di uno scrittore eccentrico, cannibale, egoista, Wolfe, personaggio dalla morale inversa ma a suo modo estremamente affascinante. Nel corso della storia l'amicizia tra i due servirà a far procedere la trama, sublimando una sorta di rapporto padre-figlio e consegnando a noi un film che, nonostante l'etichetta canonica di biopic, ha il pregio di mostrarci un mondo poco conosciuto al cinema, quello dell'editoria, e contemporaneamente far riflettere sulle conseguenze di chi è toccato anche solo per un po' dal genio. Esempio del dolore devastante che una simile personalità può causare in chi solamente cerca di stargli vicino, è l'interpretazione diabolica dell'attrice Nicole Kidman, qui amante di Wolfe. 

In più nel film troviamo (con divertimento) l'incarnazione di alcuni celebri scrittori del '900: su tutti Fitzgerald ed Hemingway. Il loro rapporto controverso con la fama è solo una delle caratteristiche che questo tipo di umanità, tesa ad ardere con forza nel trasporto della propria passione letteraria, ci svela coinvolgendoci ancora di più in questo interessante biopic non canonico.