Rambo: Last Blood

Seleziona una città:
Rambo: Last Blood

John Rambo, veterano del Vietnam, torna finalmente a casa. Ma dopo esser tornato nel ranch di famiglia in Arizona, Rambo si troverà ad affrontare i membri di un temibile cartello messicano implicato in un commercio sessuale di ragazze dell'Est.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Rambo: Last Blood
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
Notorious Pictures
DURATA
101 min.
USCITA CINEMA
26/09/2019
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2019
di Gian Luca Pisacane
 
Rocky Balboa/John Rambo. Due anime, lo stesso corpo, dal ’76 (’82 per il veterano) a oggi. Lo Stallone Italiano è figlio della crisi, del Watergate, di Jimmy Carter, è l’eroe proletario della porta accanto. Invece Rambo arriva dal Vietnam, cresce sotto Reagan, che disse anche la mitica frase: “La prossima volta manderò Rambo”. Cinema conservatore, sempre al limite, dal First Blood del primo capitolo a questo ultimo (ma lo sarà davvero?) Last Blood. Per la quinta avventura, Stallone sceglie l’impalcatura di Rocky Balboa.
 
Nel film del 2006, il pugile era ormai in declino, gestiva un ristorante, era vedovo, cercava di aiutare il suo amico Paulie, viveva del passato. Fino a un nuovo incontro, al richiamo del ring. Qui Rambo si è ritirato, si prende cura di una famiglia acquisita, si improvvisa padre, ha un ranch in Arizona. E lotta contro i suoi demoni. Il reduce “psicopatico” torna a galla. Il decisionismo armato gli scorre nelle vene, è il vendicatore ultra-patriottico, che al tempo di Trump cala la sua ascia sul Messico.
 
“Un corpo da combattimento, un milite ignoto che nessuno, oltreoceano, desidera dimenticare”, ci dicevano in Rambo 2 – La vendetta. Qui sembra un giustiziere della notte, attaccato alle sue pillole e a un mondo che non c’è più. La sua invincibilità viene messa a dura prova, il superomismo sembra aver fatto il suo tempo. Rambo è il prodotto di una società che ha superato ogni disincanto, dove non c’è più spazio per le illusioni.
 
Un Rambo notturno, di frontiera. Dal dramma bellico si passa al western, e il pellerossa diventa il nostro paladino. Bistrattato, solo, chiama l’invasore nella sua terra per sfidarlo come se fosse a Little Bighorn contro il Generale Custer. Non è più il soldato americano, si è trasformato nel vietnamita. Attacca e si ritira, scava gallerie, usa poco le pistole, preferisce arco e frecce accompagnate dal suo fedele coltello. Con tanto di esplosivi e martello (roba da A Beautiful Day – You Were Never Really Here e oltre).
 
Montaggio scatenato nella prima parte, lacrime e sangue nella seconda. Senza la paura di scadere in qualche effettaccio, di lanciarsi nello splatter, come in John Rambo, ma con qualche risvolto sociologico in più. Cinema che dopo il #metoo ci vuole coraggio solo a immaginare. Rambo minaccia anche le donne se è necessario, per poi salvarle, e cavalcare verso l’orizzonte come un novello John Wayne.
 
Un guilty pleasure impenitente, contro il sistema, la criminalità e le convenzioni. Che pesca a piene mani dalla Serie Z, sventra i suoi avversari, tiene viva una leggenda che senza Stallone svanirebbe. L’eterno ragazzo non si ferma, si calca il cappello da cowboy sulla testa, e si immerge negli inferi. Qui Sylvester abbandona la regia, firma la sceneggiatura con Matthew Cirulnick, e mette Adrian Grunberg dietro la macchina da presa. Da non perdere i titoli di coda: l’effetto nostalgia è lancinante. Ma solo per appassionati.