Parasite

Seleziona una città:
Parasite

I quattro membri della famiglia di Ki-taek sono molto uniti, ma anche molto disoccupati, e hanno davanti a loro un futuro incerto. La speranza di un’entrata regolare si accende quando il figlio, Ki-woo, viene raccomandato da un amico, studente in una prestigiosa università, per un lavoro ben pagato come insegnante privato. Con sulle spalle il peso delle aspettative di tutta la famiglia, Ki-woo si presenta al colloquio. Arrivato a casa del signor Park, proprietario di una multinazionale informatica, Ki-woo incontra la bella figlia Yeon-kyo. Ma dal primo incontro fra le due famiglie scaturisce una subdola invasione costruita su inquietanti menzogne e con subdola premeditazione, e una inarrestabile catena di colpi di scena e incidenti.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Gisaengchung
GENERE
NAZIONE
South Korea
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
Academy Two
DURATA
132 min.
USCITA CINEMA
07/11/2019
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2019
di Mattia Pasquini

Ci sono imprese che anche solo osservate riescono a emozionare come se le si vivesse in prima persona. Si tiene il fiato sospeso nel seguire l'avanzata di un funambolo su una corda sospesa nel vuoto, per esempio, ed è una sensazione molto simile a quella che si prova nel vedere il Parasite di Bong Joon-ho che ha vinto la Palma d'Oro al 72esimo Festival di Cannes, sconfiggendo favoriti ben più accreditati del calibro di Pedro Almodovar.

Dopo Snowpiercer nel 2013, in molti si erano volti a guardare al regista coreano con più attenzione che in occasione dei suoi precedenti Memories of Murder e The Host (sorvolando sull'ultimo discusso Okja), ma questa sua ultima prova riesce a superare le precedenti. Per costruzione, cura delle inquadrature e nella regia di un'opera che riesce ad assemblare e sviluppare temi ricorrenti della tradizione coreana e orientale distribuendoli con incredibile ritmo nel corso di un crescendo dalle sfumature sempre più varie.

Per recuperare i film precedenti di Bong Joon-ho. Su Amazon edizioni da non perdere

Tutto nasce dal bisogno della famiglia Kim, indigente e costretta a vivere di sussidi, e dall'occasione presentatasi al loro intraprendente figlio maschio di entrare nelle grazie dei coniugi Park come insegnate privato a domicilio. E' l'inizio di una subdola invasione costruita su inquietanti menzogne e con subdola premeditazione, e che regala una catena di colpi di scena... non sempre impeccabili, ma decisamente funzionanti.

La carenza principale del film sta nella premessa, costruita su una furbesca dimenticanza a livello di sceneggiatura, ma in cambio di qualcosa di più di una semplice sospensione dell'incredulità al pubblico viene restituito uno dei migliori "crowd pleaser" visti in circolazione negli ultimi tempi. Una commedia nera nella quale il tono non fa che cambiare, alternando il thriller alla suspense, la violenza alla satira sociale. E che dubitare di quel che si è visto, una guerra tra poveri o un inno alla solidarietà?

A ognuno la scelta degli occhi con cui guardare questo spettacolo, ché ognuno sarà toccato diversamente dai diversi aspetti del collage. Ma negli annali resterà un premio che ci piace interpretare come riconoscimento alla carriera di un regista che alla viglia dei 50 anni promette di avere ancora molto da dire. E da svelare.