Overlord

Seleziona una città:
Guardalo nei
cinema più vicini.
TRAMA
Overlord

Alla vigilia dello sbarco in Normandia, un gruppo di paracadutisti statunitensi si paracaduta dietro le linee nemiche per una missione che dovrebbe determinare il successo dell'operazione e lo svolgimento del D-Day. Ma quando il gruppo si avvicina all'obiettivo, inizia ad accorgersi che nel piccolo villaggio occupato dai nazisti li aspetta qualcosa di più di una usuale operazione militare e un pericolo soprannaturale peggiore di quello rappresentanto dall'esercito tedesco.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Overlord
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
20th Century Fox
DURATA
109 min.
USCITA CINEMA
08/11/2018
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2018
RECENSIONE
di Mattia Pasquini
 
Visivo, esplicito, granguignolesco… eppure sembrava essere un film di guerra! Certo, basterebbe leggere la trama per rendersi conto che la vicenda dell'Overlord di Julius Avery sarà ben più che meramente bellica. Se poi aveste fatto caso alla presenza di J.J. Abrams in produzione e ascoltato le sue dichiarazioni di qualche mese fa, allora sareste molto meno sorpresi…
 
Meno, ma non troppo, che "il primo film R-Rated della Bad Robot" non vi farà sicuramente annoiare. E non solo per le accelerate o per una sorta di indulgere in eccessi da film di genere (tendente alla Troma), ma per un intelligente e divertito spaziare tra ambiti diversi - eppur contigui - e per la sua capacità di innestare gli uni sugli altri.
 
L'incipit per fan di Dunkirk o Salvate il sodato Ryan ci 'paracaduta' presto in una Francia non ben identificata, una provincia misteriosa - ora affollata ora completamente priva di occupanti nazisti - perfettamente in linea con certe concessioni alla sospensione dell'incredulità tipiche del sottogenere dal quale ci piace citare due piccoli cult come Iron Sky o Dead Snow.
 
Piccole anticipazioni, indizi furbi, la citazione del Moreau della celebre isola (per quanto, essendo in Francia, i riferimenti potrebbero anche essere più alti… ma forse non in questo caso!) completano questo riuscito e ingannevole - in senso buono! - melange di violenza consentita e orrore. La prima, fin troppo prevedibile in un film sulla Seconda Guerra Mondiale, il secondo pronto a subentrare e a prendere il sopravvento, finendo per tracimare sulla pulizia iniziale. Per la gioia del pubblico più preparato.