Gigolò per caso

TRAMA
Gigolò per caso

Fioravante e Murray, due amici per la pelle in condizioni economiche precarie, per sbarcare il lunario decidono di cimentarsi con il mestiere più antico del mondo. L’uno nei panni di un gigolò, l’altro nel ruolo di manager. Con il nome d’arte Virgil, Fioravante si destreggia tra un ménage a trois con due avvenenti signore alla ricerca di emozioni forti e gli incontri ben più casti con Avigal, vedova di un rispettato rabbino, rimasta sola con i figli, i ricordi di una vita vissuta nel mondo chiuso della comunità chassidica e un disperato bisogno di scoprire cose nuove. Mentre Fioravante viene messo in crisi dai sentimenti che quest’ultima suscita in lui, ignaro della gelosia di Dovi, chassidico innamorato di lei fin da quando era ragazzo, Bongo (pseudonimo di Murray) scopre che non è poi così facile essere un protettore...

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Fading Gigolo
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
Lucky Red
DURATA
98 min.
USCITA CINEMA
17/04/2014
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2013
RECENSIONE
Sullo schermo si alternano le immagini di donne bellissime, personaggi che vivono negli angoli piÙ affascinanti di una New York filtrata da lenti autunnali a tonalitÀ rossiccia e il tutto accompagnato da una colonna sonora quasi onnipresente che si affida al jazz piÙ raffinato. GiÀ con questi pochi elementi visiviJohn Turturro si assicura il 60 o 70% del suo nuovo film che ha diretto e interpretato. A questi si aggiungono una premessa di certo non originale ma buffa e vincente – quella di un uomo economicamente al capolinea che si ricicla facendo il mestiere piÙ vecchio del mondo - e un Woody Allenlibero di recitare e divertirsi senza pensare a dirigere. Se È vero che ormai non distinguiamo piÙ Allen dai suoi personaggi, È anche vero che Turturro prova a caricare lo spirito del ruolo, trasformando Woody in un bibliotecario ebreo, padre di diversi figli avuti da una donna afro-americana. E successivamente in "protettore del gigolÒ", una dimensione nella quale diventa istantaneamente icona.

Turturro confeziona un'opera furba e dolciastra, ma alla fine un film delizioso che si assicura di arrivare ai titoli di coda senza mai mollare la presa sullo spettatore. Forse non il suo lavoro migliore da regista – in passato ha raccontato personaggi piÙ interessanti in maniera coraggiosa – ma sicuramente È quello piÙ rivolto al grande pubblico. E' interessante notare come Turturro rivendichi il piÙ possibile le sue origini italiane sia davanti che dietro la macchina da presa, riservandosi perfino qualche battuta nella nostra lingua e affidando ruoli chiave della troupe a professionisti italiani (la fotografia È diMarco Pontecorvo, il montaggio di Simona Paggi). Allo stesso tempo azzecca i toni comici e punzecchiosi sulla comunitÀ ebraica di Brooklyn, dosandoli e alternandoli sui primi piani di Vanessa Paradis, il cui sguardo sarebbe in grado di stregare qualsiasi uomo.

Dove GigolÒ per caso funziona meglio È nel rapporto di amicizia tra i due protagonisti: ci si ricorderÀ soprattutto dei loro duetti esilaranti giocati su battute rielaborate dallo stesso Allen (che ha contribuito non ufficialmente alla sceneggiatura). Battute che perÒ sottolineano una forte legame tra due uomini che non si piegano mai davanti ai drammi della vita: la crisi economica nei confronti di uno, la solitudine nei confronti dell'altro. Il buon gusto di Turturro si prende cura del resto, a partire dalla scelta delle donne in scena: Sharon Stone È una meravigliosa cinquantenne e Sofia Vergara incarna la quintessenza dell'erotismo. Il regista si assicura di rendere credibile l'attrazione che queste donne provano per il suo personaggio il cui successo È dovuto alle poche parole pronunciate che sottolineano una dimensione enigmatica, quella di un gentiluomo in grado di rimanere in silenzio davanti al grande mistero della mente femminile: "Se sapessi cosa c'È nella vostra mente non mi troverei qui" - dice a un certo punto facendo sorridere le sue clienti. Un uomo che ama guardare e ascoltare le donne e allo stesso tempo capace di essere un bravo amante.
di Pierpaolo Festa