Home | Film | Personaggio

Sergio Castellitto

DATA DI NASCITA: 18/08/1953
LUOGO DI NASCITA: Roma
DATA DI MORTE:
biografia
Sergio frequenta l'Accademia nazionale di arte drammatica 'Silvio D'Amico', dove si diploma nel 1978. La sua carriera artistica inizia a teatro sotto la guida di registi come Luigi Squarzina e Aldo Trionfo. Il debutto cinematografico avviene nel 1982 con il film "Il generale dell'armata morta" di Luciano Tovoli, con Marcello Mastroianni.
Seguono i film "La famiglia" (1986) di Ettore Scola, accanto a Vittorio Gassman e Stefania Sandrelli; "Rossini! Rossini!" (1991) di Mario Monicelli e "Il grande cocomero" (1993) di Francesca Archibugi, nel ruolo di uno psichiatra alle prese con una ragazza epilettica, con il quale vince il primo Nastro D'Argento. Con "L'uomo delle stelle" (1995) di Giuseppe Tornatore, ambientato nella Sicilia del dopoguerra, vince il secondo Nastro D'Argento come migliore attore protagonista.
Sul piccolo schermo È stato Fausto Coppi nel film tv "Il grande Fausto" di Alberto Sironi e nel 1999, con grandissimo successo di critica e di pubblico, il santo di Pietralcina in "Padre Pio" di Carlo Carlei.
Alterna la sua attivitÀ fra cinema, televisione e teatro dove debutta nella regia nel 1996 con "Manola", dirigendo Nancy Brilli e Margaret Mazzantini, che ha sposato e con la quale ha due figli.
Nel 1999 esordisce come regista cinematografico con "Libero Burro".
Nel 2002 È protagonista del film di Marco Bellocchio, "L'ora di religione" e nel 2003 È accanto a Margherita Buy in "Caterina va in cittÀ".
Con la pellicola "Non ti muovere" Castellitto si conferma grande attore e ottiene il David di Donatello 2004.
Ha lavorato a due film: "La stella che non c'È" (2005) e "Il regista di Matrimoni"(2005).
Inoltre È nel cast di "Le cronache di Narnia: Il principe Caspian" (2008).
Nel 2009 lavora per Alessandro Angelini nel film drammatico "Alza la testa".