NOTIZIE

Recensione: Mektoub, My Love – Il nuovo grande film di Abdellatif Kechiche

Dopo La vita di Adele, il regista torna con una storia di amore, desiderio e sogni sulla costa francese degli anni '90

Mektoub, My Love

07.09.2017 - Autore: Marco Triolo (Nexta)
Dopo La vita di Adele, Abdellatif Kechiche torna con un altro grande film, una storia che non è una storia. Mektoub, My Love: Canto Uno è il resoconto di un'estate passata sulla costa francese, tra giornate in spiaggia, primi amori, uscite serali in discoteca e nei locali a bere birre con gli amici. Non siamo tanto distanti dal concetto di cinema di Richard Linklater, quel raccontare tutto raccontando il nulla.
 
Mektoub, My Love (primo capitolo di una trilogia) è la storia di Amin, giovane tunisino-francese che, nell'estate del 1994, torna nella sua cittadina natale sul mare dopo un periodo a Parigi. Aspira a fare lo sceneggiatore e ha già scritto un copione. Ma nel frattempo vuole solo trascorrere l'estate con gli amici dopo aver abbandonato la facoltà di medicina per seguire il suo sogno. Soprattutto, desidera ardentemente Ophelie, amica d'infanzia da cui è attratto, ma che frequenta suo cugino (tradendo il fidanzato partito per la guerra del golfo).

LEGGETE ANCHE: LA CONFERENZA DI KECHICHE A VENEZIA.
 
Il film di Kechiche cerca il naturalismo. Lo fa assoldando una squadra di attori giovani e nella maggior parte dei casi esordienti, e dirigendoli in modo tale da evitare l'effetto “recitazione”. Sembra davvero di seguire le disavventure amorose, le serate spensierate di un gruppo di adolescenti qualunque. Così facendo, Kechiche riesce a parlare di crescita, di pulsioni adolescenziali, di sogni e aspirazioni lontane. Si mette nell'ottica del suo straordinario protagonista, il perfettamente impacciato Shaïn Boumedine, e ne racconta la ricerca, mai soddisfatta e sempre frustrante, del sesso.
 
Mektoub parte con una scena di sesso molto esplicita. Lo sguardo di Kechiche indugia, come già faceva in Adele, sui corpi femminili. Li riprende in primo piano, li esplora con la macchina da presa. Sarà sicuramente tacciato di sessismo – e già a Venezia c'è chi ha usato questa parola. E invece è geniale per come riesce a farci comprendere per immagini il punto di vista di un teenager che pensa sempre e solo al sesso senza mai raggiungerlo.
 
Ma c'è altro, nella continua ricerca di Amin, un messaggio più universale nascosto nelle pieghe di questa non-storia: siamo talmente distratti dalla nostra continua ricerca di un ideale, da perderci ciò che di buono ci passa davanti.
 
Tre ore che volano via, tre ore di emozione sincera. Tre ore che non vi basteranno.
 
Mektoub, My Love sarà distribuito in Italia da Vision Distribution.