Whiplash

TRAMA
Whiplash

Andrew Neiman, aspirante batterista jazz di talento, si iscrive al conservatorio Shaffer di New York, dove entra nella classe tenuta dallo spietato insegnante Terrence Fletcher. Tra i due si instaura un rapporto di rispetto competitivo, almeno finché non appare chiaro che le angherie di Fletcher superano ogni limite...

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Whiplash
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
Warner Bros
DURATA
107 min.
USCITA CINEMA
12/02/2015
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2015
RECENSIONE
di Mattia Pasquini

Un anno indimenticabile questo 2014 per Miles Teller, indubbiamente. Il ventisettenne di Downingtown, Pennsylvania in pochi anni e' passato dagli esordi di Rabbit Hole (era il ragazzo con cui Nicole Kidman crea un rapporto catartico) e Footloose (nella parte del campagnolo un po' legnoso) a una serie di commedie piu' o meno teen, lo young adult Divergent fino a dimostrare di essere cresciuto, al fianco di Zac Efron e piu' ancora nel film capace di vincere il Gran Premio della Giuria del Sundance Festival, Whiplash.

Non abbiamo visto la maggior parte dei film presentati al festival 'indie' per eccellenza creato da Robert Redford, ma quello di Damien Chazelle - regista e sceneggiatore non nuovo a drammi musicali (visto l'esordio su un trombettista e il prossimo La La Land sulla passione di un pianista, entrambi jazz) - e' davvero un film che merita ogni plauso (come accaduto al Sundance e a Cannes, a Toronto e ora a Torino). Prima ancora di arrivare a parlare degli attori.

Il fatto di provenire da un cortometraggio dallo stesso titolo e sullo stesso tema - presentato (e vincente anch'esso) al Sundance del 2013 - ha sicuramente aiutato, come non e' stato secondario affidare allo stesso J.K. Simmons il ruolo del temibile ed esasperante Terence Fletcher. Ma la brevita' dello script (fino al 2012 incluso nella famosa Black List delle sceneggiature in cerca di realizzazione) e l'essenzialita' dello sviluppo - ennesima dimostrazione - sono l'arma segreta del regista, che si dimostra piu' che abile nella gestione del materiale a disposizione.

Non un semplice film musicale, ne' uno scontro generazionale, ne' una cronaca del genio e delle ossessioni che porta con se', Whiplash e' un crescendo fatto di cambi di tono e di momenti frenetici, un emozionante risultato di una regia e un montaggio che non e' frequente vedere, soprattutto tanto coordinati e capaci di esaltare le prove attoriali suddette. In questo senso, si segnala l'ottima scelta di Miles Teller, che si dimostra particolarmente intelligente per un attore che meritava una parte da protagonista assoluto, definitivo trampolino per uno degli attori giovani piu' sotto osservazione del momento.