Spring Breakers - Una vacanza da sballo

TRAMA

Quattro studentesse di college rapinano un fast food per finanziarsi la vacanza di primavera, ma vengono arrestate. A pagare la loro cauzione ci pensa un trafficante d'armi e droga che in cambio chiede loro di svolgere un lavoro sporco.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Spring Breakers
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
Bim
DURATA
94 min.
USCITA CINEMA
07/03/2013
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2013
RECENSIONE
Ridondante, didascalico, auto compiaciuto, confusionario. Il nuovo film di Harmony Korine delude le aspettative di chi attendeva unacritica affilata alla generazione dell'apparire cresciuta a suon ditelevisione e reality show. La critica c'È, ma non È dicerto affilata, persa com’È in mezzo a un turbinio di immaginicolorate e rutilanti, uno stile fracassone che vorrebbeprendere in giro quello di MTV, ma finisce solo per scimmiottarlo inmaniera ripetitiva e superficiale.
 
Spring Breakers - Una vacanza da sballo È un vero e proprio assaltovisivo e sonoro, un sovraccarico di immagini, stili epersonaggi sopra le righe, che si avvicendano come in una giostra.Purtroppo, il senso di nausea e stordimento che si prova alla finenon È dovuto all’efficacia con cui Korine tratta un argomentodisturbante, ma ricorda piuttosto il capogiro che si prova una voltascesi dal calcinculo. È netto, spiacevole, ma non costanulla.

Frullando suggestioni da Russ Meyer eJohn Waters, Korine porta avanti un discorso sullato peggiore dell’America: in Gummo erano iredneck e la white trash nata dalla povertÀestrema, qui sono i rampolli della borghesia perbenista, figli digenitori ipocriti e incapaci di educare. Il risultato È unagenerazione che, affidata alle cure parentali di TV e internet,venera la vuota celebritÀ e il sesso facile.
 
Il ritratto È inquietante, ma stilisticamente Korine sbaglia iltiro e soffoca ogni emozione – buona o cattiva che sia – in unasequela di scene tutte uguali. Il racconto, dopo un iniziopiuttosto divertente, si trascina stanco e 88 minutifiniscono per sembrare piÙ lunghi di due ore. Per fortuna che intutto questo c’È almeno James Franco, a brillare in un paio di assolo: specialmente lasequenza indimenticabile in cui esegue al piano Everytime diBritney Spears, accompagnato dalle ragazze. Che per incisonon sono male – e vedere Vanessa Hudgens impegnata in una scena di sesso a tre Èqualcosa che non ci saremmo mai aspettati. Ma da qui a dire che lei e Selena Gomez sono state violate e non saranno mai piÙ lestesse agli occhi dei loro fan ce ne passa.