2 giorni a Parigi

TRAMA
Due giorni a Parigi - Locandina

Jack e Marion decidono di lasciare New York e di andare finalmente a Venezia per la vacanza dei loro sogni. Jack è un arredatore d'interni americano, Marion una fotografa francese e durante il viaggio emergono una serie di contrasti dovuti alle loro differenti origini. Le cose volgono al peggio quando, sulla via del ritorno, decidono di fermarsi un paio di giorni a Parigi presso i genitori di Marion.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Deux jours à Paris
GENERE
NAZIONE
Francia
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
D.N.C.
DURATA
93 min.
USCITA CINEMA
28/09/2007
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2007
RECENSIONE
Dopo due anni d'amore, quella tra l'arredatore newyorkese Jack (Adam Goldberg) e la fotografa parigina Marion (Julie Delpy) sembra essere una relazione decisamente stabile. Tale rapporto sta però per affrontare la prova più difficile: due giorni nella città di lei, dove le differenze culturali e soprattutto di mentalità tra i due rischiano di diventare molto più evidenti. L'incontro-scontro con la famiglia di Marion è il primo test che Jack deve affrontare, e subito tutte le sue idiosincrasie iniziano a fare capolino; la successiva scoperta di tutti gli ex fidanzati ufficiali ed amanti della donna cominciano poi a gettare l'uomo in uno stato di gelosia e paranoia che fa traballare il loro rapporto, prima saldo. I due si rendono conto in questo modo di conoscere in realtà veramente poco l'uno dell'altra, ed il confronto che seguirà a questa scoperta metterà in discussione tutte le loro reciproche certezze.

Seconda opera da regista dell'attrice francese Julie Delpy, già “musa” di importanti registi come Kieslowsk, Avary e Linklater, “2 Giorni a Parigi”, si presenta come una commedia piuttosto riuscita, non esente da qualche ridondanza e da alcune ingenuità di fondo, ma tutto sommato molto più divertente di quanto ci saremmo aspettati. Il rischio era infatti quello di trovarsi di fronte ad una pellicola dialogata fino all'impossibile, dove il ritmo narrativo e l'evoluzione della storia si trovassero impantanati in una serie di parole senza fine – vedi i film che la Delpy ha girato proprio con Richard Linklater.

Seppur basato quasi interamente sugli sproloqui e sui duetti dei due protagonisti molto affiatati, il lungometraggio però procede secondo uno schema drammaturgico ben preciso, che salda tra loro una serie di scene che soprattutto nella prima parte sono a tratti spassose: il giocare con gli stilemi preordinati dell'americano democratico ma tutto sommato vagamente bigotto che si confronta con la cultura “libera” ed aperta dei francesi regala allo spettatore momenti di vero divertimento, anche se l'insistenza su tali cliché alla lunga diventa ripetitiva. A sostenere però la pellicola c'è un Julie Delpy moto controllata ma soprattutto uno scatenato Adam Goldberg, attore che dopo i teen-movies giovanili dimostra di essere assolutamente maturato e meriterebbe opportunità anche più consistenti di questa.

Brioso e spigliato, girato in apparente totale libertà, “2 Giorni a Parigi” merita senz'altro la visione, in quanto esponente divertente e soprattutto divertito di uno scarto culturale mentale che divide ancora il Vecchio Continente con gli Stati Uniti. Certo, la Delpy gioca le sue carte appoggiandosi interamente su questo disequilibrio, ed un po' più di lavoro sulle sfaccettature dei personaggi non avrebbe di certo guastato, in particolar modo alla fine del film.

Rimane però la qualità e la finezza di molti dialoghi taglienti e la magnifica prova d'attore di Goldberg, che non sono decisamente poca cosa.

GLI ARTICOLI