Warning: fopen(/home/ts_siti/film.it/httpdocs/typo3temp/tx_ncstaticfilecache/www.film.it/news/film/dettaglio/art/haley-bennett-e-chris-evans-nel-red-sea-diving-resort-del-mossad-israeliano-48878/index.html): failed to open stream: No such file or directory in /home/ts_siti/film.it/typo3_src-4.5.25/t3lib/class.t3lib_div.php on line 3189 Haley Bennett e Chris Evans nel Red Sea Diving Resort del Mossad israeliano - Film.it
NOTIZIE

Haley Bennett e Chris Evans nel Red Sea Diving Resort del Mossad israeliano

Si attende la firma che potrebbe portare l'attrice al fianco dell'interprete di Captain America nel nuovo spy movie di Gideon Raff.

21.03.2017 - Autore: Mattia Pasquini (Nexta)
A dieci anni dall'esordio 'canterino' in Scrivimi una canzone accanto a Hugh Grant e Drew Barrymore e dopo i ruoli importanti di Kristy e La ragazza del treno, il prossimo impegno potrebbe essere decisivo per la carriera di Haley Bennett. L'attrice che abbiamo da poco visto ossessionare Emily Blunt, potrebbe infatti diventare l'interprete principale di quello che avevamo già conosciuto come Operation Resort e che oggi ha definitivamente scelto il proprio titolo ufficiale: Red Sea Diving Resort.

Le trattative non sono ancora concluse, stando a quanto scrive Variety, secondo le cui fonti sarebbe Chris Evans ad affiancare la Bennett (dopo le precedenti voci) come protagonista nel film. Sceneggiato e diretto da Gideon Raff (già executive producer di Tyrant) e finanziato dalla sua Bron Studios (Barriere), dopo che la Fox Searchlight si è tirata indietro rimettendo 'sul mercato' lo script.



Il tempo stringe, visto che questa stessa estate dovrebbe iniziare la produzione (di Alexandra Milchan) del racconto basato sul riscatto degli ebrei etiopi in Israele nel 1981. La storia prende le mosse nel 1977, quando al Mossad israeliano viene dato un incarico diverso dal solito dall'allora primo ministro Menachem Begin: salvare le migliaia di ebrei etiopi presenti in Sudan e consegnarli allo Stato ebraico. Per poter operare nel Paese nemico, l'agenzia stabilì una base avanzata sotto copertura in un villaggio turistico abbandonato in Sudan per supervisionare l'esodo verso la Terra Promessa, via mare e per via aerea.