Transformers 3

TRAMA
Transformers: Dark of the Moon -  Poster

Terzo capitolo della saga miliardaria di Transformers diretta da Michael Bay e distribuita dalla Paramount/Universal. I primi due film hanno guadagnato nel mondo, nel complesso, 1.6 miliardi di dollari (il secondo ha incassato 140 milioni in più rispetto al primo) e il terzo capitolo non sembrerà tradire le aspettative, anche perché a supporto di Shia LaBeouf ci saranno attori del calibro di John Malkovich e Frances McDormand. L'unica cosa che per ora si conosce della trama è che il nuovo villain sarà Shockwave, un robot che ha la capacità di trasformarsi in un cannone laser e che domina Cybertron da quando Autobot e Decepticon sono partiti alla ricerca del Cubo.

VALUTAZIONE FILM.IT
VALUTAZIONE DEI NOSTRI LETTORI
TITOLO ORIGINALE
Transformers: Dark of the Moon
GENERE
NAZIONE
United States
REGIA
CAST
SITO UFFICIALE
DISTRIBUZIONE
Universal Pictures Italia
DURATA
157 min.
USCITA CINEMA
2011
2011
ANNO DI DISTRIBUZIONE
RECENSIONE

Qualunque possa essere il gusto personale nei confronti del suo cinema, bisogna rendere atto a Michael Bay che film dopo film fa sempre del suo meglio per portare il concetto di larger than life a vette sempre più alte. Non è un caso, oltretutto, che per questo terzo episodio di “Transformers”, saga ludorobotica ispirata ai pupazzetti della Hasbro, abbia trovato in James Cameron un fiero alleato, uno che come lui tende a fare un cinema ipertrofico, sebbene con risultati e concetti ben diversi.

Transformers 3” segna l'esordio di Bay nel 3D, ma soprattutto speriamo segni la fine del franchise, che aveva già ben poco da dire con il numero due e che non racconta molto di più in questo nuovo appuntamento. Sebbene molto ben congegnato in alcuni nodi di sceneggiatura che si collegano a reali avvenimenti storici, come le missioni lunari e il disastro di Chernobyl, Transformers 3” soffre di tutti i difetti peggiori del cinema di Bay, che non riesce a unire il suo infinito desiderio di mostrare a un'asciuttezza contenutistica che tanto bene gli farebbe. Non a caso, il film migliore di questo vero e proprio coatto, in senso buono ovviamente, della macchina da presa, è probabilmente quello più bistrattato, “The Island”, che per quanto visto e stravisto aveva delle intuizioni di ottimo livello.

In questo caso, a parte quello che già vi abbiamo raccontato, c'è davvero pochissimo ed è comunque merito di chi sa come si fa il cinema. Frances McDormand, John Malkovich e John Turturro regalano quei pochi momenti davvero gradevoli di “T3” (mi raccomando, non confondetelo con “Terminator”), mentre per il resto ci sono solo le urla di Shia, le carnose labbra di Rosie e il metallo digitale di Optimus e compagnia trasformabile. Ma soprattutto, sono sin troppo evidenti le fastidiose allusioni omofobiche, l'imperante maschilismo (la donna al comando fa sempre la scelta sbagliata, la bella di turno è una Desdemona che semina zizzania) e il machismo testosteronico tutto anni Ottanta, privo però dell'ironia che caratterizzava i film di Stallone, Willis e Schwarzy.

Qui tutto si riduce a una lunga sequenza in cui Bay si diverte a devastare Chicago con il computer, dando una precisa indicazione, oltretutto, di quel che sarà il cinema del futuro, perchè la noia che produce “Transformers 3” porta inevitabilmente all'interattività dello spettatore, stufo di essere preso per più cretino di ciò che è e di conseguenza naturalmente portato a sviluppare i propri nodi narrativi.

Detto in soldoni: l'era dei videogiocatori-autori è sempre più vicina.

di Alessandro De Simone

GLI ARTICOLI
natale 2013
  • OGGI IN TV