The Flowers of War

TRAMA
The Flowers of War - Poster

Nell'inverno del 1937, durante il massacro di Nanchino, terribile crimine di guerra perpetrato dall'esercito giapponese in quella che all'epoca era capitale della Repubblica Cinese, un occidentale si rifugia con un gruppo di donne in una chiesa, fingendosi un prete e tentando così di salvare le donne dalla strage.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Jin líng shí san chai
GENERE
NAZIONE
??
REGIA
CAST
USCITA CINEMA
16/12/2011
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2011
RECENSIONE

Televisivo e a tratti kitsch, “The Flowers of War” di Zhang Yimou – presentato Fuori Concorso alla 62sima Berlinale – sarà ricordato soprattutto per essere una delle prime produzioni cinesi che sia riuscita ad ingaggiare una superstar occidentale come protagonista.

Yimou esplora il massacro di Nanjing del 1937, ma osa poco nel suo viaggio all'inferno, finendo anche per annoiare: è piuttosto grafico nelle scene di tortura e morte, ma non si controlla almeno un po' nella caratterizzazione dei soldati giapponesi invasori, a volte troppo cattivi, altre volte inspiegabilmente troppo ragionevoli. Non mancano dunque alcuni momenti di script madness nel corso delle due ore piene del film. Anche la direzione di Christian Bale seppur bravo e carismatico – solleva non pochi dubbi: la sua conversione da predone in cerca di soldi e sesso a sacerdote pronto a dare la sua vita pur di salvare i bambini di Nanjing è affrettata. Il suo passato viene riassunto al momento sbagliato e nel giro di pochi secondi grazie a una sola battuta.

L'intero timing è sbagliato ed è il grande problema del film. Rimangono l'aspetto didascalico della storia, comunque troppo romanzata, un paio di belle scene di guerra e i bambini che si nascondono insieme a un gruppo di prostitute all'interno della cattedrale. Sono i più piccoli a rubare la scena alle bellissime attrici adulte. Anche tecnicamente il film lascia a desiderare: la fotografia di Xiaoding Zhao tende a essere super elegante in un paesaggio di dolore e morte, puntando il tutto sulla luce filtrata dal rosone della Chiesa che illumina i bambini attraverso i vetri colorati. Una sequenza che nel film viene ripetuta più di una dozzina di volte. Le musiche, invece, anticipano quello che succederà da lì a breve in maniera troppo gratuita. Da un regista pieno di talento che ha avuto novanta milioni di dollari a disposizione e una superstar come Bale, ci si aspetta decisamente qualcosa in più.

di Pierpaolo Festa