Rachel

TRAMA
rachel-poster.jpg

Rachel è una storia d'amore in cui un giovane inglese (Sam Claflin) mette in atto una strategia di vendetta contro la sua enigmatica e bellissima cugina (Rachel Weisz), credendola responsabile della morte di suo cugino Ambrose, con cui è cresciuto. Tuttavia, dopo aver conosciuto la donna, i suoi sentimenti iniziano a cambiare e finisce per soccombere al suo fascino fino ad esserne ossessionato.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
My Cousin Rachel
GENERE
NAZIONE
United Kingdom
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
20th Century Fox
DURATA
106 min.
USCITA CINEMA
15/03/2018
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2017
RECENSIONE
di Gian Luca Pisacane
 
Gli amanti avvelenati rimangono un sempreverde hitchcockiano, che a rotazione i registi in cerca d’ispirazione tentano di riproporre con qualche originalità. In Notorious Ingrid Bergman rischiava di perdere la vita per una serie di malsani caffè. Nel cinema di oggi Sofia Coppola ha utilizzato i funghi contro Colin Farrel ne L’inganno, e anche Paul Thomas Anderson fa preparare alcune “frittate maledette” per riscaldare il focolare nel suo capolavoro Il filo nascosto. Ma per una volta il maestro del brivido non viene citato a sproposito. 
 
Rachel è tratto dal romanzo Mia cugina Rachele di Daphne du Maurier (edito da Neri Pozza), la stessa autrice di Rebecca, la prima moglie, portato sul grande schermo proprio da un Hitchcock particolarmente ispirato. Del film era già stata realizzata una prima versione diretta da Henry Koster nel 1952, con Olivia de Havilland e Richard Burton al suo debutto a Hollywood. Ma Roger Michell non teme confronti e attinge dal libro solo quel tanto che gli serve per girare il suo Rachel. Le storie d’amore lo hanno sempre affascinato. La maggior parte del pubblico lo ricorda per Notting Hill e l’iconica coppia glamour formata da Julia Roberts e Hugh Grant, la diva e il libraio, entrambi bellissimi per non riuscire a stregare una platea che crede alle favole. Questa volta la passione si ribalta, diventa torbida e amara: non è più una love story da fotografi e tabloid, ma un incubo sotto il sole della Cornovaglia. 
 
L’oscuro oggetto del desiderio è una candida Rachel Weisz, il dubbio che si è fatto donna. È colpevole? È innocente? Ce lo domandiamo fin dalla prima inquadratura, proiettati in un vortice di menzogne e verità così intricate da non riuscire a distinguerle. L’intero film è una metafora dell’amore stesso, a tratti respingente e spesso incontrollabile. Si trasforma in un fiume in piena, frutto di un immaginario gotico alla Walpole e alla Mary Shelley. Ma non ci sono mostri, solo uomini che tutti i giorni devono combattere con i loro fantasmi, rischiando di perdere l’anima. 
 
Il palazzo nobiliare della famiglia Ashley domina il paesaggio, e dovrebbe essere l’unico rifugio sicuro in un mondo pieno di pericoli. Invece è al calore del fuoco che si scoprono i lati deformi dell’umanità, quando le porte intarsiate si chiudono agli ospiti e la notte cala sui merletti e i baldacchini. Dimenticate le atmosfere cupamente romantiche costruite da Jane Austen ed Emily Brontë: qui siamo più vicini a Lady Macbeth di William Oldroyd, alla dark lady che agognava la libertà attraverso la perversione e cercava di affermare se stessa avvolgendo lo stalliere tra le coperte, scaldandolo con il suo corpo. Rachel si nasconde dietro a un falso sorriso o forse è sincera, piena di bellezza e imperfezione.
 
Le due sono uguali e diverse, potrebbero specchiarsi l’una nell’altra e riconoscersi “cugine” nella tempesta. Sullo sfondo: splendidi panorami, le pennellate di Constable e Turner, che si inseguono fino al mare. Un ottimo thriller con venature horror, che sa intrattenere lo spettatore come ai vecchi tempi, con una solida trama e personaggi appassionanti.