Padri e figli

TRAMA
Padri e figli

Quattro famiglie ed i loro problemi, unite da un filo comune: i rapporti con un membro della quinta, Ines Santarelli, una infermiera che le frequenta per motivi professionali o per parentela. Il vedovo Vincenzo Corallo è il titolare di un'avviata sartoria che serve la buona borghesia di Roma, coadiuvato alla pari, per non dire diretto, dal figlio Carlo. La secondogenita Marcella, privata durante la crescita dell'affetto della madre prematuramente scomparsa, si trova a fare i conti con due padri, quello vero ed il fratello maggiore, che poco o nulla capiscono delle sue turbe adolescenziali e del suo primo innamoramento per un compagno di scuola di poco più anziano di lei. Il dottor Bacci, clinico emerito, è alle prese con due figli che lo fanno andare in bestia: il fannullone Vezio, che dopo la maturità non ha combinato più nulla e porta sempre in casa notizie di prossimi, favolosi impieghi, ed il maturando Sandro, anche lui soggetto a turbe adolescenziali ed innamorato della compagna di scuola Marcella Corallo. Il giovane sposo Guido Blasi è invece alle prese con le voglie della giovane moglie Giulia, che è in attesa di un figlio. Infine la coppia Marchetti, Cesare e Rita, sorella di Ines, è in crisi: non possono avere figli, il lavoro di lui lo costringe ai turni e quando torna a casa, o va a dormire o al cinema. Amerigo Santarelli, guardiano allo zoo di Roma, e la moglie Ines si arrabattano per mantenere i cinque figli. Le vicende delle famiglie si snodano fra i litigi e gli inevitabili rappacificamenti.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Padri e figli
GENERE
NAZIONE
Italia
REGIA
CAST
DURATA
103 min.
USCITA CINEMA
ANNO DI DISTRIBUZIONE
1957
GLI ARTICOLI