L'amore che resta

TRAMA
Restless - Poster

Annabel Cotton è una bella e dolce malata terminale di cancro che ama intensamente la vita e il mondo della natura. Enoch Brae è un ragazzo che si è isolato dal mondo da quando ha perso i genitori in un incidente. Quando i due si incontrano a una cerimonia funebre, scoprono di condividere molto nella loro personale esperienza del mondo. Il film è diretto dal maestro Gus Van Sant e scritto dal giovane Jason Lew.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Restless
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
SITO UFFICIALE
DISTRIBUZIONE
Sony
DURATA
95 min.
USCITA CINEMA
07/10/2011
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2011
RECENSIONE

“La morte è facile, è l'amore ad essere difficile” oppure “Abbiamo così poco tempo per dire le cose che vogliamo dire. Abbiamo pochissimo tempo per tutto”… con queste frasette, Gus Van Sant dice la sua su eros e thanatos. Presentato nella sezione Un Certain Regard di Cannes 64, “Restless” conferma il talento del regista nel descrivere pensieri e sentimenti dei più giovani ed è l'ennesima prova che il filmmaker riesce con il suo stile unico a invadere di tenerezza temi seri e cupi, senza mai affogare nel miele.

Nel fare questo il regista viene aiutato da una coppia di attori composta da Mia Wasikowska (era l'Alice di Tim Burton) e Henry Hopper (il figlio del grande Dennis) in un romance che combina l'ironia nera alla “Six Feet Under” (con i protagonisti che si imbucano ai funerali), con tutti quei film romantici dove gli innamorati sono anche dei malcapitati…“Oh fortuna infame” direbbe il grande bardo. Non ci si impiega più di tanto per per capire che ci troviamo davanti a uno di quei film in cui “lui le insegnò ad amare, lei gli insegnò a vivere”...

Questo è il vero problema: “Restless” si colloca tra i film minori di Van Sant, regista che a tratti perde anche il senso del ritmo, annoiando abbastanza e accartocciandosi su una storia che conosciamo già.

di Pierpaolo Festa