I guardiani del destino

TRAMA
I Guardiani del Destino - Locandina

David Norris (Matt Damon) sta per vincere l'elezione per la carica di Senatore degli Stati Uniti, quando incontra la ballerina Elise Sellas (Emily Blunt), una donna come non ne ha mai conosciute. Appena realizza di essersi innamorato di lei, forze misteriose intervengono per separarli e tenerli lontani l'uno dall'altro. David scopre che si trova davanti gli agenti del Destino, gli uomini del Adjustment Bureau, che useranno tutto il loro notevole potere per evitare che David ed Elise stiano insieme. David deve cosi' decidere se lasciarle Elise e accettare il suo percorso predeterminato...o rischiare tutto per combattere il destino e stare con lei.

VALUTAZIONE FILM.IT
VALUTAZIONE DEI NOSTRI LETTORI
TITOLO ORIGINALE
The Adjustment Bureau
GENERE
NAZIONE
United States
REGIA
CAST
SITO UFFICIALE
DISTRIBUZIONE
Universal Pictures Italia
DURATA
124 min.
USCITA CINEMA
2011
2011
ANNO DI DISTRIBUZIONE
RECENSIONE

“Tutto quello che ho sono le scelte che faccio, e io scelgo lei”, non si era mai visto sullo schermo un Matt Damon più determinato di così, nemmeno nei panni dello smemorato Jason Bourne, costantemente a caccia di chi lo aveva trasformato in una macchina da guerra. Tratto da “Squadra riparazioni”, racconto breve del grandissimo Philip K. Dick, I guardiani del destino” mette in scena un tipo di eroe di cui sentivamo la mancanza, quello romantico. Sullo schermo Damon torna a sfoderare sensibilità e vulnerabilità, pronto a inchiodare emotivamente il pubblico come aveva già provato in “Hereafter”, melodramma paranormale del maestro Eastwood.

La performance dell'attore, unita a questo modo anticonvenzionale di sviluppare una storia d'amore in chiave fantascientifica, fa de I guardiani del destino” uno dei migliori film della nostra estate cinematografica, e allo stesso tempo uno degli adattamenti più riusciti dalla letteratura di Philip K. Dick (in un podio comunque dominato da “Blade Runner” e “Minority Report”). Naturalmente si tratta di un libero adattamento: per una volta la cupezza e la paranoia nel sentirsi prigionieri dell'occhio onnisciente del grande fratello vengono affrontate in singolar tenzone dalla forza di un sentimento che il protagonista prova dopo essere rimasto “fulminato” da una donna. Lo sceneggiatore George Nolfi fa il suo debutto dietro la macchina da presa, dopo aver scritto i poco convincenti “Timeline” e “Ocean's Twelve”, ma anche il bellissimo “The Bourne Ultimatum”: il neo-regista racconta la sua storia, scorrendo attraverso azione, fantascienza e thriller, e senza mai perdere d'occhio il suo punto di partenza, la love story.

Non ci sono armi ne “I guardiani del destino”, ma un eroe determinato e pronto a percorrere sotto la pioggia l'intera isola di Manhattan in pochi minuti, pur di realizzare il suo desiderio più grande. Tutto nel nome dell'amore per Emily Blunt, splendida attrice che interpreta un personaggio in grado di contagiare con la sua vitalità la realtà del protagonista, un politico troppo impegnato per avere una vita sua. E la corsa finale di Damon rimane memorabile e batte qualsiasi eroe mucciniano pronto a scattare pur di aggiustare il suo destino. L'eroe di questo film sa perfettamente quello che vuole e non smette per un minuto di sprigionare le sue ossessioni: quei pensieri contagiosi che Christopher Nolan nell'ottimo “Inception” ha definito “parassiti”.

Le dimensioni di questo “piccolo” film riescono a coesistere con le sue grandi ambizioni e le sue idee sul destino, la spiritualità e l'inevitabile caos che gli esseri umani sono in grado di generare, una volta ottenuto il controllo. Molti ricorderanno similitudini con il notevole “Dark City”, ma tredici anni dopo il film di Proyas, il cinema accoglie speranza e luminosità e lo spettatore torna a casa più che soddisfatto.

di Pierpaolo Festa
GLI ARTICOLI
natale 2013
  • OGGI IN TV
  • Speciale San Valentino