Brooklyn's Finest

TRAMA
Brooklyn

Eddie, Sal e Tango sono tre insoliti poliziotti, ciascuno in lotta con i propri demoni, che lavorano nel Distretto 65, una delle zone più pericolose a nord di Brooklyn. Al quarantenne Eddie rimangono solo sette giorni prima di andarsene in pensione. Depresso e disilluso, cerca conforto nell'alcol e in una giovane prostituta. Sal lavora nella squadra antidroga e lotta per arrivare a fine mese. La moglie incinta ha problemi di salute e sono troppi in casa. Tango ha passato anni a lavorare sotto copertura come spacciatore, incluso un anno in carcere, e la moglie sta chiedendo il divorzio. Questi tre poliziotti non sono mai destinati a incontrarsi, finchè una notte un blitz antidroga li conduce nello stesso fatale luogo a nord di Brooklyn dove si libera l'inferno.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Brooklyn's Finest
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
DURATA
140 min.
USCITA CINEMA
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2010
RECENSIONE
Dopo avere raggiunto il successo con "Training Day" Antoine Fuqua aveva venduto l'anima all'Hollywood di cassetta: i suoi film successivi ("L'ultima alba", "King Arthur", "Shooter") furono prodotti tanto commerciali, quanto scarsamente ispirati. "Volevo ritornare a raccontare le mie storie". E' questo ciò che ha spinto il regista americano a rimettere la divisa da poliziotto a Ethan Hawke e a portare con lui, per le strade di New York, anche Richard Gere e Don Cheadle.

Brooklyns Finest Richard Gere

"Brooklyn's Finest" è la storia di tre sbirri spinti ormai ai margini della professione. Uno è un infiltrato ormai da troppo tempo in mezzo ai delinquenti, un altro è un quasi pensionato ormai disilluso e solo, il terzo è un giovane padre di famiglia che non ce la fa con il semplice stipendio. Fare i poliziotti tra quelle strade ti brucia il cervello, ti confonde e ti sbatte dove mai avresti pensato quando si è cominciato, quando pensavi di avere "una missione". Fuqua racconta tutto questo con uno stile avvolgente, mantenendo sempre alto il ritmo della narrazione utilizzando al meglio colonna sonora, montaggio e movimenti di macchina. Esplicativi in tal senso i primi tre minuti, quando la musica lega la storia disperata del personaggio di Hawke a quella di Gere per poi confondersi con il rumore di un treno urbano su di un ponte che definisce "il luogo" dell'azione: Brooklyn. Belle anche le sequenze delle irruzioni della polizia nei covi dei gangster quando, con veloci piani sequenza, si riesce ad avere una visione d'insieme di tutti i personaggi coinvolti, le fughe, le rincorse, i nascondigli della roba e le ispezioni. Nonostante le tre storie, in sé, non abbiano particolari spunti di originalità, Fuqua riesce a dare al tutto il giusto stile epico, comunicando un senso di compattezza a tutta l'opera.

Brooklyns Finest Wesley Snipes

Ne escono così centoquaranta minuti di dramma e azione, un bel poliziesco che sembra uscito dagli anni '70, figlio tanto di "Il braccio violento della legge" che di "Serpico". Qualche semplificazione narrativa (dal cerchietto intorno al luogo del colpo, al flashback che ricorda dove si è visto il volto della ragazza segregata) sono il pegno che il regista ha dovuto pagare alla produzione per realizzare un film così pesante e lungo (due ore e venti significa uno spettacolo in meno al giorno per ogni esercente di cinema): non si può rischiare che qualcuno non capisca, meglio abbondare con le spiegazioni. Buone le scelte del cast: tutti, da Hawke a Gere, passando per Cheadle e Snipes, hanno la faccia giusta per raccontare il declino di un'idea: quella che fare il bene degli altri corrisponde con il fare il bene per sé stessi.

Per saperne di più
I'm not
George Clooney! - La nostra intervista a Ethan Hawke