Biancaneve

TRAMA
Biancaneve - Locandina

Dopo che la perfida matrigna uccide suo padre e distrugge il regno, Biancaneve si unisce a una banda formata da sette bellicosi nani per reclamare i propri diritti.

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
Mirror Mirror
GENERE
NAZIONE
Stati Uniti
REGIA
CAST
SITO UFFICIALE
DISTRIBUZIONE
01 distribuzione
DURATA
106 min.
USCITA CINEMA
04/04/2012
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2012
RECENSIONE

Un prezioso lavoro di analisi delle diverse versioni della fiaba di Biancaneve è alla base del nuovo film di Tarsem Singh, che sceglie l'impavido cammino del confronto con una fiaba classica senza l'ausilio dei mezzi di animazione. Si annusa quindi il profumo della sfida, si sfoderano le armi affilate di un cast praticamente perfetto, capeggiato da Julia Roberts, e di un gusto registico visionario che regala qualche soluzione originale.

Biancaneve” è una fiaba divertente quando rompe improvvisamente gli opposti cristallizzati del bene e del male per mostrare le sfaccettature della brama di potere e le moderne ossessioni estetiche del personaggio della Regina (Julia Roberts). Qui la star interpreta una donna in crisi di mezz'età che ricorre alla magia per rimanere eternamente giovane e conquistare la sicurezza economica rappresentata dal ricco principe Alcott (Armie Hammer).

Biancaneve (Lily Collins) invece, ha il fascino verginale di Audrey Hepburn e il moto febbrile del cambiamento, e nel corso di due ore si tramuta da innocente bambina a Xena - principessa guerriera finalmente consapevole del proprio ruolo all'interno della società e nel cuore del principe. Il film intrattiene, cammina radente sul filo della demenza, ma alla fine raggiunge l'obbiettivo di due ore di gustoso equilibrato divertimento e dello status di “film per tutta la famiglia”, oltre ad incoronare artisticamente il nuovo principe biondo d'America Armie Hammer.

di Alessia Laudati