Babadook

TRAMA
Babadook

Amelia, rimasta vedova sei anni fa, vive con il figlio di 6 anni, Samuel, tormentato dalla paura dell'Uomo Nero. Potrebbe sembrare un classico dramma familiare dai toni melò, fino a quando in casa non appare l'inquietante libro di fiabe Babadook. Le allucinazioni e le reazioni paranoiche di Samuel diventano sempre più incontrollabili, Amelia è addirittura costretta a fargli assumere dei farmaci. Finché non inizia a percepire anche lei una presenza sinistra...

VALUTAZIONE FILM.IT
TITOLO ORIGINALE
The Babadook
GENERE
NAZIONE
Australia
REGIA
CAST
DISTRIBUZIONE
Koch Media
DURATA
93 min.
USCITA CINEMA
15/07/2015
ANNO DI DISTRIBUZIONE
2015
RECENSIONE
di Marco Triolo
 
Fiaba nera, spaccato psicologico di un rapporto madre-figlio, orrore. C'È tutto questo e molto altro in The Babadook, horror fenomeno australiano presentato in concorso a Torino. Alla regia troviamo un'attrice, Jennifer Kent, alla sua opera prima. E si vede, non che È un'opera prima ma che c'È una donna dietro la macchina da presa. Nessun uomo avrebbe potuto cogliere cosÌ profondamente il dramma di una madre costretta ad accudire un figlio con problemi comportamentali da sola, dopo che, per giunta, il marito È morto portandola in auto all'ospedale per farla partorire.
 
È davvero difficile mettere insieme i pensieri a poche ore dalla prima visione di un film complesso e sfaccettato come questo. The Babadook È un'opera interessante anche togliendo tutta la parte horror. Che non manca, sia chiaro: Amelia (Essie Davis) trova nella stanza del figlio Samuel (Noah Wiseman) un inquietante libro pop-up contenente una “fiaba della buonanotte” alquanto insolita. La lettura del libro apre le porte a un'entitÀ malefica, il Babadook del titolo, che porta l'inferno nelle vite di Amelia e Samuel.
 
La bellezza del film sta in questa lenta discesa nella follia: se non sapessimo che si tratta di un horror, potremmo anche pensare che tutto quello che vediamo si svolga nella testa di Amelia e nasca dalla deprivazione di sonno dovuta ai capricci del figlio. La vediamo sempre piÙ narcolettica, con le occhiaie e in disordine. Gli assistenti sociali le bussano alla porta, la polizia non le crede. La Kent insinua il sospetto che forse non dovremmo crederle nemmeno noi, salvo poi cancellare l'ambiguitÀ nel confronto finale.
 
The Babadook È un film che si prende il suo tempo per costruire tensione e terrore. È anche un film che tenta di dire qualcosa di nuovo e diverso rispetto agli ormai abusati clichÉ del genere. Ma soprattutto È uno scavo psicologico potentissimo, anzi È quasi piÙ interessante in questo che nelle scene d'orrore tout court. Il finale È qualcosa di rarissimo, una riconciliazione che rimane ambigua e dunque credibile. Non un finale da film ma da vita "reale". E in grado di svelare da solo la natura metaforica di The Babadook: dopotutto, i mostri peggiori sono i nostri traumi e i traumi non si superano mai veramente.