Home | Film | Personaggio

Luis Bunuel

DATA DI NASCITA: 13/12/1901
LUOGO DI NASCITA: Calanda, Aragona, Spagna
DATA DI MORTE: 29/07/1983
biografia
Luis viene mandato molto giovane a Saragozza in un collegio di gesuiti, dove viene educato secondo regole durissime. Si iscrive poi all'Università di Madrid dove stringe amicizia con Salvador Dalì e Federico Garcìa Lorca e si laurea in Lettere nel 1924. L'anno dopo parte per Parigi e nella capitale francese dà luogo al suo primo esperimento cinematografico, il cortometraggio diretto assieme a Salvador Dalì intitolato "Un cane andaluso" (1929). Nel 1930 il primo film "L'età dell'oro" fu vietato dal prefetto subito dopo l'uscita; uscì di nuovo solo nel 1950 a New York e nel 1951 a Parigi. In seguito alla guerra civile, il regista è costretto ad emigrare a New York, dove trova lavoro al Museum of Modern Art e si occupa della direzione del doppiaggio in spagnolo dei film americani. Si trasferisce in Messico nel 1940 e prende la cittadinanza messicana nel 1948. Viene premiato come migliore regista al Festival di Cannes del 1951 per il film "I figli della violenza"(1950). Sette anni dopo riconferma il successo a Cannes con "Nazarin" (1958), e per "Viridiana" (1961) vince la Palma d'Oro ma il film viene accusato di blasfemia. Seguono "L'angelo sterminatore" (1962), "Diario di una cameriera" (1963) e "Bella di giorno" (1967) per il quale vince il Leone d'Oro al Festival del Cinema di Venezia. Si susseguono due nomination all'Oscar per la sceneggiatura di "Il fascino discreto della borghesia" (1972), uno dei suoi film più famosi, e per "Quell'oscuro oggetto del desiderio" (1977). Pubblica "Obra literaria", una raccolta di scritti letterari e nel 1981 scrive la sua autobiografia, pubblicata dopo la sua morte.