Home | Film | Personaggio

Rutger Hauer

DATA DI NASCITA: 23/01/1944
LUOGO DI NASCITA: Breukelen (Olanda)
DATA DI MORTE:
biografia
La sua infanzia e adolescenza sono piuttosto inquiete, Rutger è insofferente alle regole e, già all'età di 15 anni, parte per lavorare su un piroscafo mercantile per un anno seguendo le orme di suo nonno capitano di goletta. Dopo il suo ritorno, frequenta le scuole serali mentre di giorno fa lavori saltuari. I genitori lo iscrivono in seguito a una scuola di arte drammatica, mentre Rutger, sentendosi più poeta che attore, passa i giorni a scrivere poesie nei coffee shop di Amsterdam. Nonostante abbia iniziato la sua carriera nel 1969 ed abbia interpretato come protagonista molti film, è stato il suo ruolo di replicante in "Blade Runner" (1982) ad imporlo all'attenzione del pubblico internazionale. Un altro dei suoi ruoli più interessanti è in "The Hitcher" del 1985. Ha vinto il Golden Globe nel 1988 per il film TV "Fuga da Sobibor" e nel 1989 è stato premiato come miglior attore al Seattle Film Festival per "La leggenda del Santo Bevitore" di Ermanno Olmi, film vincitore del Leone d'Oro 1988 a Venezia. Seguono poi i film "Furia Cieca" (1989), "Detective Stone" (1992), "Scelte Proibite" (1994), "2049 L'ultima Frontiera" (1996), "Caccia al Serial Killer" (1998), "Impulsi Mortali" (2000) e "Confessioni di una mente pericolosa", diretto da George Clooney. Ultimamente ha lavorato nelle pellicole "Sin City" (2005), "Batman Begins" (2005) e "La Tempesta" (2005).